MAD INVESTIGZIONI è investigatore privato autorizzato dalla Prefettura di Treviso anche per la cetegoria a.V) ex art 134 TULPS:
attività d'indagine difensiva, volta all'individuazione di elementi probatori da far valere nell'ambito del processo penale, ai sensi dell'articolo 222 delle norme di coordinamento del codice di procedura penale e dall'articolo 327-bis del medesimo Codice

L'art. 24 della Costituzione cita “tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi. La difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado di procedimento“.

La materia delle indagini difensive è disciplinata dalla Legge n. 397 del 2000 entrata in vigore in attuazione del principio del “giusto processo” introdotto dalla legge costituzione n. 2 del 1999 che ha modificato l’art. 111 della Costituzione, prevedendo, tra gli altri, i seguenti principi fondamentali:

  • la parità delle parti nel processo penale;
  • il diritto per l’imputato di preparare la propria difesa;
  • il principio del contraddittorio nella formazione della prova nel processo penale.

Con la Legge n. 397 del 2000 è stato introdotto l’art. 327 bis c.p.p.:
"1. fin dal momento dell’incarico professionale, risultante da atto scritto, il difensore ha facoltà di svolgere investigazioni per ricercare ed individuare elementi di prova a favore del proprio assistito, nelle forme e per le finalità stabilite nel titolo VI bis del presente libro
2. La facoltà indicata al comma 1 può essere attribuita per l'esercizio del diritto di difesa, in ogni stato e grado del procedimento, nell'esecuzione penale e per promuovere il giudizio di revisione.  
3. Le attività previste dal comma 1 possono essere svolte, su incarico del difensore, dal sostituto, da investigatori privati autorizzati e, quando sono necessarie specifiche competenze, da consulenti tecnici
”.